APE MAIA

Il cartone animato APE MAIA

è tratto dai racconti ‘Le avventure di Ape Maia’ e ‘Il popolo del cielo’ dello scrittore tedesco Waldemar Bousels, in Giappone è stato trasmesso dal 1975 con il titolo originale ‘Mitsubachi Maya no boken’, mentre in Italia dal ’79, con la canzone ‘Vola vola l’ape Maia’ cantata da Katia Svizzero ha conquistato da subito il pubblico dei giovanissimi. Composta da 41 episodi, la storia della vivacissima Maia racchiude contenuti educativi e pedagogici per i bambini. Insieme ad altre piccole api, Maia, dopo la sua nascita viene affidata alle cure dell’ape maestra Cassandra che le insegnerà attività e regole dell’alveare. In compagnia dell’inseparabile, particolarmente pigro e simpatico WILLI

Maia preferirà avventurarsi nella natura affrontando avventure coinvolgenti, incontrando insetti ed animali mai conosciuti, alcuni dei quali anche pericolosi, scoprendo nuovi fiori e facendo la conoscenza di altri amici con le ali, Maia è troppo curiosa per rimanere nell’alveare.

Sarà la cavalletta FLIP ad essere per la giovane Maia un maestro di vita mettendola spesso in guardia dalle avversità che la natura incontaminata può nascondere. Amici di giochi per Maia saranno: il topo Alessandro, lo scarafaggio Kurt, il lombrico Max, il ragno Tecla e la mosca Puck. Diretto da Alexs Stadermann, nel 2014, Maia, l’ape dalla bionda chioma ricciuta è arrivata sul grande schermo nel film ‘Maya the beemovie’ con produzione Belgio/Spagna, i fans di Maia hanno potuto vederla anche in versione 3D con delineamenti ed armonizzazione nell’animazione.

Sandy Favola

Commenti

commenti