BAUSTELLE L’amore e la violenza

L’AMORE E LA VIOLENZA

settimo album dei toscani BAUSTELLE (Warner Music) è stato presentato ai media dal frontman BIANCONI come ‘oscenamente pop, con una propria componente eccitante’. La band fa parte del panorama indie e pop rock italiano con una scelta, nella realizzazione di questo lavoro di non usare la batteria ma  microsampler estratti da vinili del ’70 e ’80, al posto di un’orchestra suoni tradizionali di pianoforte, chitarre e marimba legati da un timbro analogico di  minimoog. I BAUSTELLE sono nati artisticamente nel 1996 a Montepulciano e la formazione attuale è:



Francesco Bianconi
(voce, chitarre e tastiere)
Rachele Bastreghi (voce, tastiere e percussioni)
Claudio Brasini (chitarre). L’elettronica ‘Amanda Lear’ è il primo singolo estratto da ‘L’AMORE E LA VIOLENZA’ mentre il brano ‘Lili Marleen’, tratto da una canzone ed una poesia contro la guerra che i Baustelle hanno diffuso in rete non entra nelle dodici tracce delle quali ‘Love’ e ‘Continental Stomp’,
strumentali. Con uno sguardo al compositore, pianista e direttore d’orchestra italiano ARMANDO TROVAJOLI e gli statunitensi BURT BACHARACH e PHIL SPECTOR,
songwriters e produttori, in ‘L’AMORE E LA VIOLENZA’ c’è la costante esigenza di riportare il suono alla freschezza degli esordi con una leggerezza di spessore ed una scrittura ricercata per trattare temi d’attualità navigando nell’idiozia quotidiana sociale e proporre all’ascoltatore più livelli di lettura. Nel brano synth-pop ‘Amanda Lear’ la protagonista è una donna magnifica, rispecchia l’amore, la musica che si ascolta, si balla poi si passa ad altro perché ‘nulla dura per sempre’, in ‘Eurofestival’, presente e passato si confondono, ne ‘Il Vangelo di Giovanni’ riecheggia il ritornello alla Battiato, nell’elegante ‘Ragazzina’ c’è tanto di De Gregori, ‘Betty’ è una post-adolescente che in balia degli eventi si fa trasportare e si riposa sognando. La copertina del disco è ispirata al film del ’68 ‘Se…’con l’attore Malcolm Mc Dowell.

 

Rosa Elenia Stravato

 

 

 

 

 

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteREGGIANA
Articolo successivoLO PSICODRAMMA