CHIAMAMI COL TUO NOME

Terzo ed ultimo film della trilogia del ‘desiderio’, dopo ‘Io sono l’amore’

del 2009 e ‘A Bigger Splash’ del 2015

‘CHIAMAMI COL TUO NOME’ (CALL ME BY YOUR NAME)

è diretto da LUCA GUADAGNINO

sceneggiato da JAMES IVORY

e adattato dal romanzo omonimo di ANDRE’ ACIMAN.

Candidato a tre Golden Globe e quattro Premi Oscar 2018, il film è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2017, nella sezione ‘Panorama’ del Festival di Berlino e al Toronto International Film Festival; prima della distribuzione nelle sale è stato proiettato in Festival cinematografici internazionali, tra i quali quello di New York, Londra, Rio De Janeiro. Girato tra Cremona, Bergamo e Lodi e ambientato nella calda estate del 1983, è una struggente storia d’amore e di amicizia tra il diciassettenne franco-americano-italiano ELIO PERLMAN (TIMOTHEE CHALAMET) musicista colto, maturo e sensibile e l’affascinante OLIVER (ARMIE HAMMER) studente ventiquattrenne, ospitato dal professor PERLMAN (MICHAEL STUHLBARG) specializzato nella cultura greco-romana, nella loro villa del XVII secolo.

Gran parte dei mobili usati nel film appartenevano alla famiglia Visconti, dipinti e specchi di ispirazione asiatica provengono da un negozio di antiquariato milanese, la piscina è stata ricreata da un abbeveratoio e l’abbigliamento è Lacoste per Elio, ispirato dalle fotografie di Bruce Weber, per Oliver. ‘Chiamami col tuo nome’, dedicato all’attore Bill Paxton, scomparso nel febbraio 2017

è per Guadagnino un film sulla bellezza della nascita di un desiderio e un omaggio ai padri, in riferimento al suo e ai quattro cineasti che lo hanno ispirato:


Renoir, Rivette, Rohmer e Bertolucci.

Sergio Galuppi

 

Commenti

commenti