EMOJI – ACCENDI LE EMOZIONI

Con la nobile funzione di portare il pubblico più giovane a riflettere per non subire passivamente il controllo dell’espressione mediante la tecnologia, ANTHONY LEONDIS ha diretto il film d’animazione ‘EMOJI – ACCENDI LE EMOZIONI’

Nello smartphone dell’impacciato ALEX

adolescente in attesa del ballo di fine anno, speranzoso di potervi condurre la compagna di classe phone-addicted quanto lui, della quale è innamorato, in un angolo dell’App di messaggistica sorge la ridente cittadina di Textopolis abitata da tutte le emoji presenti in messaggi e chat, faccine sorridenti pronte ad apparire se selezionate sullo schermo. GENE

vorrebbe essere un emoji ‘bah’, indice di perplessità, come i suoi genitori, ma, nato senza filtro può modellare bocca e occhi a proprio piacimento assumendo espressioni indecifrabili. La versatilità anomala di Gene non soddisfa il giovane Alex che decide di formattare lo smartphone creando panico tra le minuscole faccette digitali. Per correggere la varietà di emozioni inizia per Gene una fuga attraverso lo schermo, entrando ed uscendo dalle App in cerca del ‘codice sorgente’ e della password insieme a HI-5, emoji del ‘dammi il cinque’ e Rebel, emoji hacker

che sogna di fuggire nel Cloud per essere chiunque lei voglia. Per la gioia dei più piccoli, alcune faccine diventano personaggi come Scompiscio e Mr Cacca.

Sergio Galuppi

Commenti

commenti