ETICHETTE DEI PRODOTTI BIOLOGICI

L’ETICHETTATURA comprende i termini, le indicazioni, i marchi di fabbrica, le immagini riguardanti imballaggi, i cartoncini e le fascette che accompagnano un prodotto. L’etichetta di un prodotto biologico deve riportare: riferimento al metodo di produzione e alla certificazione e i loghi del biologico privati o dell’UE. I riferimenti al metodo di produzione biologico, nonché abbreviazioni come ‘bio’ o ‘eco’ possono essere utilizzati nella Comunità Europea e in qualsiasi lingua comunitaria solo nelle etichettature o nelle pubblicità di prodotti al Reg. CE 834/07. Nei riferimenti alla certificazione deve esserci il numero di codice dell’Organismo di controllo a cui è soggetto l’Operatore che ha effettuato la produzione del prodotto.

Per il Reg. CE 834/07 è obbligatorio l’utilizzo del logo biologico dell’UE nell’etichettatura dei prodotti alimentari preconfezionati biologici, facoltativo per i non preconfezionati, gli importati da paesi terzi, i mangimi biologici e non ammessi per: alimenti che contengono ingredienti biologici e non in proporzioni variabili, alimenti il cui principale ingrediente è prodotto di pesca o caccia, prodotti in conversione al biologico, mangimi utilizzabili in agricoltura biologica, sementi per le coltivazioni biologici e materiale di propagazione vegetativa biologico. Quando si usa il logo biologico europeo deve esserci anche l’indicazione del luogo in cui sono state coltivate le materie prime di cui il prodotto è composto. L’utilizzo del logo biologico dell’UE non impedisce quello simultaneo di nazionali o privati a meno che non abbiano maggior risalto.

 

 

Agata Verte

Commenti

commenti