EZIO BOSSO

L’apparizione di EZIO BOSSO al Festival di Sanremo 2016 ha svelato una potenza d’animo racchiusa in quei tasti bianchi e neri del piano e un sorriso fiero alla vita.

Pianista e Direttore d’Orchestra dal talento ineccepibile si avvicina alla musica all’età di quattro anni ispirato dal fratello musicista. A sedici anni Ezio debutta in Francia, sarà l’incontro con il maestro Ludwig Streicher a segnare la svolta della futura carriera dell’artista indirizzandolo a studiare Composizione e Direzione d’Orchestra all’Accademia di Vienna. Ha diretto orchestre come la London Symphony e la London Strings, si è esibito come solista, direttore o in formazioni da camera tra gli altri al Palacio de Bellas Artes di Città del Messico e al Teatro Colon di Buenos Aires ed il suo talento ha spaziato dalla danza, al teatro, al cinema con due David di Donatello per le musiche di ‘Io non ho paura’ e ‘Il ragazzo invisibile’ di Salvatores. Nel 2015 ‘The Arts News Paper’ e Penelope Curtis hanno definito il suo concerto alla Ikon Gallery l’evento artistico dell’anno nel Regno Unito; nello stesso anno viene commissionata ad Ezio, dall’Università Alma Mater di Bologna una composizione dedicata alla Magna Carta delle Università Europee.

‘The 12th Room’ è il primo album contenente due CD di EZIO BOSSO: un CD racchiude quattro inediti e sette brani di repertorio, nell’altro, adagio doloroso, trio e finale di una splendida Sonata in Sol Minore per Piano dello stesso Bosso; il lavoro discografico è stato quasi interamente registrato dal vivo durante una serie di concerti tenuti nel 2015 in Italia.

Rosa Elenia Stravato

Commenti

commenti