I TASTI BIANCHI E NERI DELL’AMORE

poesia
La pioggia scende su di un parco bagnato,
sei lì sola a meditare
che io sia terra o mare
ti penso quando ancora non sono arrivato.

La neve cade scintillante,
i pensieri diventano tanti
tra la malinconia ed i pianti,
nella mente un silenzio assordante.

Giornata buia, non ci sei tu,
il cuore mi duole
insieme a te tutto si vuole,
voglio che tu sia sempre di più.

Accanto a te non c’è sconforto
come i tasti bianchi e neri di un piano
ci uniamo mano nella mano,
la vita è bella come in un corto.

Gabriele Marangione

 

Commenti

commenti