KINESIOLOGIA APPLICATA

Indicata come Applied Kinesiology

il nome ‘KINESIOLOGIA’ deriva dal greco con ‘kinesis’ che significa movimento e ‘logos’, scienza ed il suo fondatore è stato, negli anni ’60

il chiropratico GEORGE JOSEPH GOODHEART Jr. Introducendo, in ambito fisiologico e mai patologico, un principio di corrispondenza tra

muscoli, organi e mediani, la disciplina olistica, non includendo modalità invasive e, prestandosi anche ad essere integrata con altre terapie, consente, mediante test muscolare kinesiologico di ottenere informazioni sullo stato di equilibrio strutturale, biochimico, nutrizionale, emozionale ed energetico di un individuo a fronte di stimolazioni sensoriali di varia natura; in base alla risposta neuromuscolare sarà il corpo stesso della persona che comunicherà al Kinesiologo la correzione più adatta. I campi di intervento della kinesiologia applicata sono: la nutrizione clinica e i sistemi strutturale, miofasciale, cranio sacrale, dei meridiani, viscerale, psico-emotivo, linfatico e vascolare rivelandosi efficace per disturbi digestivi, metabolismo, intolleranze alimentari, ansia, problemi di memoria, dolori muscolari e alterazioni osteoarticolari.

Agata Manzoni

Commenti

commenti