LA PERFEZIONE NON E’ DI QUESTO MONDO

DANIELA MATTALIA

è una giornalista e lavora come caporedattore a ‘Panorama’ occupandosi di scienza; il suo folgorante romanzo d’esordio s’intitola ‘LA PERFEZIONE NON E’ DI QUESTO MONDO’:

è delicato, commovente ed ironico, si rivolge alle persone che almeno una volta nella vita hanno sofferto una perdita aiutandole a sorridere perché anche un fantasma ‘diversamente visibile’ può continuare a stare su questo mondo vicino ai suoi cari. Adriano è un professore ottantaduenne vedovo con un segreto: continua a vedere la sua dolce Giulietta solo tra le corsie dell’ospedale torinese le Molinette, lei non gli parla intenta a cercare qualcosa che sembra aver perso; l’uomo non riesce a capire se le sue continue visioni siano la conseguenza per la grande mancanza di un affetto o follia pura. Tra la struttura ed il suo parco si intrecciano le storie di altri tre personaggi: Gemma, libraia di ventinove anni che vive un rapporto di sopportazione verso la madre, nei fine settimana fa la volontaria al Filo d’Argento, call center per anziani, va a correre nel parco e sogna di trovare l’amore. Fausto l’amore ce l’ha ed è la bella Susanna forse troppo perfetta per lui semplice grafico precario ancora alla ricerca di un posto nel mondo, l’unica strada che conosce bene è quella del parco dove porta a giocare il goffo bracco Archibald. Olga è una ex infermiera che da ragazza ha vissuto un amore ‘proibito’, gli anni sono trascorsi ed è solo il gatto Renè a fargli compagnia, il sabato mattina telefona al Filo d’Argento per parlare un po’, è un’anziana ancora giovane dentro. Un bizzarro taxista farà da spola tra Torino centro, l’ospedale ed il parco, per i quattro che senza apparentemente sfiorarsi sapranno donare spontaneamente qualcosa di sé all’altro/a. Poi ci sono loro, i ‘fantasmi’ ma non quelli da film dell’orrore, quelli ‘buoni’ che hanno deciso di non spostarsi in un paradiso perfetto ma rimanere negli stessi luoghi in cui hanno sempre vissuto, con le stesse imperfezioni di sempre.

Roberta Masi

 

Commenti

commenti