LO STRANO CASO DEL CANE UCCISO A MEZZANOTTE

MARK HADDON

scrittore e poeta britannico, già autore ed illustratore di quindici libri per ragazzi, lo è di ‘LO STRANO CASO DEL CANE UCCISO A MEZZANOTTE‘ (titolo originale ‘THE CURIOUS INCIDENT OF THE DOG IN THE NIGHT TIME’).

La storia è ambientata in una cittadina dell’Inghilterra chiamata Swindon, c’è un padre e una madre presumibilmente deceduta, il figlio è il quindicenne CHRISTOPHER JOHN FRANCIS BOONE, è un ragazzino che ha difficoltà a stringere relazioni di conoscenza o amicizia con il prossimo, è affetto dalla Sindrome di Asperger che gli provoca disturbi comportamentali come l’odio ad essere toccato. La malattia ha però donato a Christopher straordinarie capacità logiche e matematiche che lui affina invece di giocare con i coetanei. Con la sua voce narrante, il protagonista, come il suo eroe Sherlock Holmes si ritroverà ad indagare con coinvolgimento sulla strana uccisione di Wellington, il cane della signora Shears, vicina di casa, trafitto da un forcone da giardino e come tutti gli investigatori, tenendo un taccuino su cui scrivere le scoperte di volta in volta. Per Christopher sarà l’intraprendenza adolescenziale ed il coraggio nel voler dominare la malattia a spingerlo alla ricerca della mamma che dalle lettere a lui indirizzate rinvenute nella camera del padre che scoprirà essere il fautore della morte del cane, dimostreranno essere viva, reduce da una fuga d’amore con l’amante, il signor Shears, anni prima. I sogni di Christopher Boone, futuro scienziato hanno riservato alla pubblicazione svariati premi letterari; in Italia il Meack Serono, nel 2004 e il Capra Alberto, nel 2010. La versione teatrale del libro

ha vinto sette Oliver Awards ed è stata rappresentata a Londra e a Broadway; il film per il grande schermo è uscito nel 2015 e Christopher è interpretato da Luke Treadaway.

 

Angela Balboni

 

 

Commenti

commenti