LOWLOW

Dopo gli oltre dodici milioni di views per il suo primo singolo
‘ULISSE’ dallo storytelling irriverente, cinico e graffiante dove si gioca tra metafora ed inquietudine generazionale estremizzata alla violenza come unico sfogo all’ipocrisia del sistema con un NICO del ’93 alla Joyce, LOWLOW (all’anagrafe GIULIO ELIA
SABATELLO)

ventitreenne rapper romano, debutta con il suo primo lavoro da solista ‘REDENZIONE’.

Cresciuto a freestyle, l’hip hop di Fabri Fibra e Marracash, i film di Tarantino e Kronenberg e le collaborazioni con MOSTRO,
SERCHO e il collettivo NSP, la Sugar di Caterina Caselli lo ha contrattualizzato meritatamente con il contributo artistico dell’arrangiatore e produttore musicale FAUSTO COGLIATI.
‘Redenzione’ contiene undici brani in cui il rapper riesce a parlare sia alla sua generazione che a quella precedente mescolando le quartine di un Shakespeare o Dante al linguaggio contemporaneo. Questo disco parla di lui, della sua crescita ed affermazione per dire ‘esisto anch’io ed il rap con me, sono pessimista ed incazzato come tutte le persone intelligenti e voglio arrivare fino alla vetta portando al pubblico le mie canzoni’. Da adolescente Lowlow, le insicurezze le rifletteva rappandole, ora, lavorando con uno staff ad alti livelli tecnici la forza d’impatto porta di conseguenza messaggi altrettanto forti.

Rosa Elenia Stravato

Commenti

commenti