RISVEGLIO E NUTRIMENTO DELLA VITA

Esistono persone che sanno da dove vengono, dove andranno e sono consapevoli di vivere la realtà. La scienza e la fisica moderna dimostrano invece che nessuno di noi è davvero nel qui ed ora, a volte si percepisce solo una parte della consapevolezza di esserci ed ogni individuo in modo diverso l’uno dall’altro; eppure ciò che vediamo, tocchiamo e sentiamo lo percepiamo come reale, siamo immersi allora in uno stato di semi addormentamento, credendo di essere svegli. Svegliarsi potrebbe voler dire affrontare eventuali demoni dentro di noi, osservare le nostre emozioni, i nostri comportamenti: un impegno difficile e delicato. Anche osservare gli altri per guardarsi nell’anima è importante, sarebbe come trovarsi dinnanzi ad uno specchio, ci sono le persone, noi e le situazioni che viviamo ogni giorno. Ricordiamoci però che se attraversiamo un’esperienza fastidiosa ne siamo noi gli artefici, non c’entrano gli altri, l’esterno, sarà perché non accettiamo una parte di noi, perché ci è stata tolta o perché rappresenta ciò che vorremmo avere. Lasciamo andare i rancori, lo stress e agiamo su noi stessi sentendoci dentro, espandendo la nostra coscienza e creandoci un centro di gravità permanente. Per incrementare la propria energia vitale psico-fisiologica, accrescendo la qualità della vita, esistono processi di salute consapevoli, legati anche alla postura della persona, al respiro, al corpo ed alla mente. Ci si sentirà più consci, partirà uno slancio interiore per perseguire la direzione realmente desiderata. Eventi di disagio, vissuti nel passato o presenti potranno rappresentare opportunità di crescita, cambiamento e autorealizzazione mantenendo sempre un equilibrio centrato, una riflessione sull’essere e un’intuizione su quello che sarà.

Angela Balboni

Commenti

commenti