TIZIANO FERRO

TIZIANO FERRO

pontino, classe ’80, sei album in studio, sette tournèe, due opere letterarie, premi, candidature, riconoscimenti. Se il 26 gennaio 2002, a Latina (sua città natale) nel tour di ‘Rosso Relativo’, con una rosa in mano

Tiziano, al ritmo di ‘Xdono’ si faceva già strada nel panorama musicale italiano, proponendo una sonorità tra R&B e pop, così lo stesso brano è stato inserito in scaletta, l’estate scorsa, e presentato con altri successi, davanti a più di 450.000 persone. Il tour, in cui Ferro ha eseguito canzoni tratte dall’ultimo lavoro discografico ‘Il mestiere della vita’

è partito, in giugno da Lignano Sabbiadoro e si è concluso a Firenze passando per Milano, Torino, Bologna, Roma, Bari, Messina e Salerno. Classici romantici come ‘Il regalo più grande’, ‘Ti scatterò una foto’ sono capaci di toccare le corde più profonde dell’anima. Con ‘Rosso Relativo’ il palco si è colorato inevitabilmente di rosso

che, sulle note di ‘Imbranato’ si è trasformato in viola e, durante ‘La differenza tra me e te’ in un caleidoscopio di sfumature. Alla luce dei telefonini, simili a tante candeline, si sono alternate altre melodie come ‘Troppo Buono’, ‘Per dirti ciao’, ‘La fine’. Uno dei momenti più emozionanti è stato accentuato da uno sfondo bianco e nero

dove l’artista ha cantato ‘Mi sono innamorato di te’ di Tenco. Un tour entusiasmante, con l’energia da ‘Stadio’ condivisa dai fans più affezionati, con la promessa che ‘Potremmo tornare…’: Tiziano ci sarà di nuovo, per loro, perché questo è ‘Il mestiere della vita’.

Allo Stadio Olimpico di Roma si è svolto un omaggio alla squadra con la presenza sul palco del mitico Totti ed i suoi figli.

Filomena Compagno

Foto di Roberto Buttinelli (4/5/7)

 

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteROMANZO PER SIGNORA
Articolo successivoGEORGIE