UNA GIORNATA PARTICOLARE

‘UNA GIORNATA PARTICOLARE’ lo si ricorda come il film del ’77 diretto da Ettore Scola, presentato al 30° Festival del Cinema di Cannes con interpreti SOPHIA LOREN nei panni di Antonietta, casalinga ingenua, madre di sei figli, sposata con un impiegato statale fervente fascista e l’indimenticabile MARCELLO MASTROIANNI nel ruolo di Gabriele ex radiocronista dell’EIAR, licenziato per via della sua omosessualità.

Eventuali timori e scrupoli verso un capolavoro cinematografico originale trasposto per il teatro si sono immediatamente dissipati in quanto la sceneggiatura di Scola e Maccari nasconde una commedia perfetta. Con adattamento di Gigliola Fantoni e regia di Nora Venturini ‘UNA GIORNATA PARTICOLARE‘ vede in scena VALERIA SOLARINO e GIULIO SCARPATI

ad incarnare due solitudini disperate che si incontrano e si trasformano modificando il loro sguardo sulla realtà che li circonda, nello spazio comune di un condominio popolare. Luigi Ferrigno ha realizzato una funzionale scena su due piani che mostra all’occorrenza gli ambienti grazie a giochi di luce su teli. Pur essendo la trama concentrata sui due protagonisti Antonietta e Gabriele, il resto del cast denota grandissima professionalità, da GIULIO JANNI nelle vesti di Emanuele, marito di Antonietta, ai figli, gli attori ANNA FERRAIOLI, FEDERICA ZACCHIA, PAOLO MINIELLI e MATTEO CIRILLO. La ‘giornata particolare’ di Antonietta e Gabriele è il 6 maggio 1938 (giorno in cui Hitler fa visita a Mussolini), complici un merlo scappato dalla gabbietta ed una copia de ‘I tre moschettieri’, come sottofondo l’incessante diretta radiofonica della grande Storia dell’Italia mentre una piccola storia di due vite discriminate , per una volta prende voce: lei, servile con la famiglia e credente in verità propagandate dal fascismo si innamorerà della dolcezza e della cultura di lui e lui proverà ciò che non avrebbe mai immaginato di provare sentendosi finalmente accettato ed amato senza finzioni.

Angela Balboni

Commenti

commenti