APOCALYPSE NOW

Vincitore della Palma d’oro al 32° Festival di Cannes e di due Premi Oscar, nel 1980, ‘APOCALYPSE NOW’

è un cult del 1979, diretto da Francis Ford Coppola,

liberamente ispirato al romanzo di Joseph Conrad ‘Cuore di tenebra’,

considerato il film sulla guerra del Vietnam, più celebre di sempre. Girato sul fiume Pasangjan, nelle Filippine e nella baita di Baler, nell’isola di Luzon, costantemente in bilico fra allucinazione e realtà storica, Apocalypse Now si muove sottolineando il contrasto tra le figure del colonnello Kurtz (Marlon Brando)

pluridecorato del 5° Gruppo delle Forze Speciali dell’Esercito degli Stati Uniti, ma disertore (che incarna il male e la follia) e il capitano Willard (Martin Sheen)

del 505° Battaglione della 173° Brigata Aviotrasportata dell’Esercito degli Stati Uniti ed incaricato CIA (che rappresenta il bene e il raziocinio). Il generale Corman (G.D. Spradlin)

e il colonnello Lucas (Harrison Ford)

affidano a Willard una missione speciale: un viaggio sul fiume Nung, nella giungla cambogiana, per trovare Kurtz ed ucciderlo, ufficiale modello da anni, che, fuggitivo ai doveri militari, la follia ne ha fatto comandante di una legione di indigeni sanguinari. Al militare viene assegnato un equipaggio: l’ostinato George Phillips (Albert Hall),

comandante della barca, l’ingenuo Lance B. Johnson (Sam Bottoms),

e l’ironico Tyrone Miller (Laurence Fisburne),

mitraglieri, il suscettibile Jay Hicks (Frederic Forrest),

macchinista. L’imbarcazione viene scortata

dal tenente colonnello William Kilgore (Robert Duvall),

del 1° Squadrone elicotteri del 9° Reggimento Cavalleria Aerea, che, tra brutalità della guerra e frivolezza umana, durante un attacco ad un villaggio vietnamita, farà risuonare, ad alto volume, dagli altoparlanti istallati sugli elicotteri

la ‘Cavalcata delle Valchirie’ di Wagner, per stimolare i combattenti e, agli stessi farà praticare surf

nonostante le pallottole sfreccianti. Durante il viaggio, Willard legge il dossier su Kurtz, riconoscendo strano che un uomo così virtuoso abbia perso il senno. L’ispezione da parte dei mitraglieri ad un sampan

che trasporta commercianti vietnamiti, a seguito di movimenti sospetti, porterà ad una carneficina. Willard e Lance, scendendo a terra, tra le trincee, in un ennesimo attacco

assodano che, in assenza di ufficiali di comando, regna la confusione totale. Dopo la morte di Miller, Phillips e Hicks, per mano dei vietnamiti, la barca giunge in un’insenatura che raccoglie centinaia di esseri umani in stato catatonico,

mentre il villaggio di cui Kurtz ne è il ‘dio pagano’, mostra cadaveri in modo impudico, tra amputati, crocifissi e impiccati;

unica apparizione legata al mondo civile, un fotografo free-lance, interpretato da Dennis Hopper.

Durante una cerimonia notturna con sacrificato un bue,

Willard ucciderà Kurtz ed una pioggia scrosciante laverà il sangue versato.

Edith Gasparini

Commenti

commenti