BACKSTREET BOYS

I Backstreet Boys

(Nick Carter, Howie Dorough, Brian Littrell, AJ McLean, Kevin Richardson) idoli degli adolescenti tra gli anni Novanta e il Duemila, la quale consacrazione a pop star, a livello mondiale è arrivata nel 1999 con l’album ‘Millenium’

sono arrivati con il loro DNA world tour in Italia, a Milano, portando brani tratti dall’ultimo lavoro ed evergreen della discografia, partendo da ‘EVERYONE’ fino a ‘LARGER THAN LIFE’

a chiudere, eseguendo poi, in scaletta altri trenta successi tra cui ‘DON’T THE MEANING OF BEING LONELY’, ‘SHAPE OF MY HEART’, ‘AS LONG AS YOU LOVE ME’, ‘NO PLACE’, ‘I’LL NEVER BREAK YOUR HEART’, ‘ALL I HAVE TO GIVE’. La band ritorna nelle arene dopo diciotto anni, celebrandone venticinque di carriera;

con sei cambi d’abito, tra cui il calzare la maglia dell’Inter

si muovono sul palco, ballano in sincrono, ogni Backstreet si presenta sul palco, solo, con microfono ed esegue una canzone:

Brian si cimenta in una versione a cappella di ‘Nobody Else’, Howie dedica ‘Chateau’ al pubblico, Nick accenna ‘The way is was’ a metà concerto e AJ e Kevin cantano ‘Passionate’. I cinque artisti di Orlando riescono ad emanare una grande energia, completata da una curatissima coreografia; nel tempo hanno vissuto anche dissapori

ma assieme, sul palco, riflettono l’immagine di immortale boy band.

Angela Balboni

Commenti

commenti