CAPITAN HARLOCK

CAPITAN HARLOCK (‘Uchu Kaizoku Kyaputen Harukku’)

è un manga di fantascienza, scritto e illustrato da Leiji Matsumoto e trasmesso in anime come space opera, in Italia, sulla Rai, dal 1979; la colonna sonora sinfonica è eseguita dalla Tokyo Philharmonic Orchestra. L’ambientazione della serie sono gli anni 2977: la Terra è guidata dal Governo Unificato, rappresentato dal Primo Ministro

e le persone vivono in uno stato di perenne indifferenza rispetto a quello che accade nel mondo. A causa dell’avidità umana, molti beni, mancando dalla Terra, vengono attinti da altri pianeti e le macchine sostituiscono l’uomo nei lavori più comuni. Chi non condivide una classe dirigente che nega l’evidenza ai grossi problemi sociali, è considerato un emarginato, come il

professor Dayu, in seguito assassinato; il pirata Harlock

capitano dell’astronave Arcadia

indaga su una gigantesca sfera nera chiamata Pennant, precipitata sulla Terra causando un disastro: sull’oggetto spaziale sono incisi strani simboli moniti, del pianeta Mazone, i quali abitanti sono intenzionati a conquistare la Terra e contro cui Harlock combatterà. Mayu

una bimba di sette anni, figlia di

Tochiro Oyama (miglior amico del pirata) vive in un collegio e spesso viene usata come esca dal Ministro della Difesa Krita per cercare di catturare Harlock, tutore della piccola. L’equipaggio dell’Arcadia è composto da:
TADASHI DAIO:

quattordicenne figlio di uno scienziato ucciso da una mazoniana e orfano di madre, morta in un incidente su Tritone.
KEI YUKI:

capo navigatrice e ufficiale scientifico dell’Arcadia.
MEENE:

ultima sopravvissuta del pianeta Jura, abile all’arpa, confidente di Harlock e dai poteri psichici e psionici.
YATTARAN:

primo Ufficiale dell’Arcadia, brillante matematico e costruttore di modellini in plastica (nella serie è raffigurato in modo comico).
DR. ZERO:

capo Ufficiale Medico. Ha un gatto chiamato

Mi-Kun.
MAJI:

capo Ingegnere e
MASU TSUNAJIMA:

cuoca di bordo, zitella irascibile, gelosa del proprio ambiente di lavoro.

Sandy Favola

Commenti

commenti