CICLISMO SU PISTA Francesco Ceci CICLISMO SU STRADA Marta Bastianelli

Per CICLISMO si intende l’utilizzo di una bicicletta a scopi ciclo turistici, ricreativi, trasportistici e sportivi. Nel 1790 nasce il celerifero

di legno, senza sterzo e catena, con avanzamento a spinta. Nel 1818, la draisina

è sempre a spinta e costituita da un sellino ed un manubrio per dirigere la ruota anteriore. La prima ‘vera’ bicicletta con pedali

è stata inventata verso il 1839. Il primo velocipede, vent’anni dopo era di ferro, con ruota anteriore grande e pedali innestati sul mozzo.

Sono stati introdotti poi il telaio, la forcella, nel 1888 lo pneumatico e dieci anni dopo i freni. La prima gara ciclistica italiana (Firenze-Pistoia) risale al 1870 con 33 chilometri percorsi in due ore. Sei anni dopo il Tour de France, l’Italia propone il Giro d’Italia;

il professionismo nasce nel 1912. Le competizioni di ciclismo si distinguono nelle tre principali discipline: ciclismo su pista, ciclismo su strada, ciclocross; dagli anni Settanta si è diffuso anche il mountain bike. Il ciclismo è uno sport olimpico dal 1896, anche se solo dal 1984 sono ammesse nel programma le gare femminili. Le prove sono regolate dall’Unione Ciclistica Internazionale (UCI)

attraverso l’organizzazione nazionale della

Federazione Ciclistica Italiana.
CICLISMO SU PISTA
Sviluppato da fine Ottocento e, ad oggi popolare in Francia, Germania, Belgio, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, il ciclismo su pista

è un genere di competizione dello sport medesimo, che si svolge in un velodromo

cioè una pista formata da due rettilinei e da due curve particolarmente inclinate, per vincere la forza centrifuga. Il ciclista è detto Pistard e la bicicletta utilizzata

dall’alta penetrazione aerodinamica è priva di freni e di cambio. Le specialità del ciclismo su pista sono: velocità, inseguimento, chilometro da fermo, corsa a punti, corsa a eliminazione, keirin, scratch, omnium, velocità olimpica, inseguimento a squadre, americana. Competizione conosciutissima, per il ciclismo su pista è la ‘Sei Giorni’ nella quale coppie di corridori si affrontano in tipologie di gare, per sei giorni.

Velocità VS Chilometro da fermo, in pista….

Sono specialità del ciclismo su pista che prevedono resistenza e forza, da parte dell’atleta che le pratica: la competizione della velocità si apre con un turno di qualificazione individuale sulla distanza cronometrata dei 200 metri, a seguire la sfida a coppie su una distanza di due o tre giri di pista; nella corsa a chilometro da fermo, ciascun corridore, partendo da fermo, e gareggiando individualmente, deve coprire una distanza prefissata (1000 metri i maschi, 500 le femmine) nel minor tempo possibile“.

La famiglia Ceci (Davide e Luca) su due ruote e il Team Ceci Dreambike di papà Claudio….

Io ho iniziato da juniores con il ciclismo, a 12 anni, mio fratello Davide, a 8; zio Vincenzo, nel 1984 ha partecipato all’evento sprint, alle Olimpiadi di Los Angeles. Il Team Ceci Dreambike, nell’arco di dodici anni si è aggiudicato 58 titoli“.

Francesco Ceci nelle Fiamme Azzurre….

Sono entrato a farne parte nel 2014 e grazie al loro supporto ho avuto ed ho la possibilità di partecipare a Campionati di massimo livello di ciclismo“.

Il Keirin….

Si tratta di una specialità del ciclismo su pista, nata negli anni Quaranta, in Giappone: altamente spettacolare e intrisa di difficoltà, vede un gruppo di ciclisti, da quattro a otto, percorrere alcuni giri di pista alla ruota di una motocicletta che aumenta gradualmente la velocità; a 600/700 metri dal traguardo, il mezzo si sposta e gli atleti disputano lo sprint“.

….allenamento di un Pistard:

La frequenza in palestra è di grande importanza: due sedute a settimana concentrandosi su squat e pressa; in pista, mai sotto le due ore, tre/quattro volte alla settimana poi su strada almeno due uscite. Nel ciclismo contano tecnica, disciplina, concentrazione“.

Cos’è il surplace e la scia del corridore che precede?

E’ una tecnica usata soprattutto nelle gare di velocità del ciclismo su pista che permette di rimanere fermi, in equilibrio, sulla bicicletta, senza poggiare il piede a terra, né retrocedere, per più di 20 cm, in attesa del momento dell’attacco. Il suo scopo (limitato a 30 secondi) è di provare a fare in modo che sia l’avversario a passare avanti, per la volata: il ciclista alla ruota avrà il vantaggio della ‘scia’ (impatto con l’aria) e potrà più facilmente superare il rivale e concorrere al traguardo“.

Ricordi ed emozioni ai Campionati ciclistici….

Da sempre mio idolo, è stato un onore poter gareggiare, nel 2009, in Coppa del Mondo, a Manchester, a fianco di Chris Hoy (vincitore di sei ori olimpici e undici titoli mondiali) ed entrare nella finale 1°/6° posto, nella specialità del keirin“.

CICLISMO SU STRADA

Sviluppato nella seconda metà dell’Ottocento con competizioni come la Parigi-Bruxelles, il Giro di Lombardia, la Milano-Sanremo, il Tour de France, il Giro d’Italia, il ciclismo su strada

si svolge su asfalto. Competendo in popolarità con il calcio, le gare richiamano un folto pubblico; nel tempo si sono sfidati campioni quali Felice Gimondi, Francesco Moser, Mario Cipollini. Prima le mete erano ai 500 chilometri, in uno o più giorni, in seguito la distanza si è andata riducendo fino ai 200/300 chilometri. Le specialità del ciclismo su strada sono: corsa in linea, la quale partenza viene data a tutti i corridori simultaneamente e vince chi taglia per primo la linea d’arrivo e corsa a cronometro dove ciascun corridore parte separatamente dagli altri e vince chi copre il minor tempo. In base alle tipologie di gare, si distinguono ciclisti velocista, passista, scalatore. Olimpico dal 1996, il ciclismo su strada prevede due competizioni: maschile e femminile.

Donne al manubrio….

E’ risaputo che il ciclismo è uno sport faticoso, sia per gli atleti maschi, che per le donne, che, in quanto a fibre muscolari delle cosce producono meno forza; le qualità per emergere sono: la resistenza, la potenza e la tattica“.

Campionati del mondo, ciclismo su strada, prove in linea 2007 (dieci anni dopo la vittoria di Alessandra Cappellotto) e 2018: ricordi, emozioni e difficoltà….

Ho affrontato la preparazione sportiva con costanza: le prove in linea Elite, mondiale, a Stoccarda, ed europea, a Glasgow sono state le gare più belle della mia vita, affiancata da uno staff fiducioso nelle mie capacità“.

Giro delle Fiandre 2019: ambizioni sportive future?

Un’altra gara fantastica, nella regione delle Fiandre, in Belgio. Dal prossimo settembre 2019 gareggerò in competizioni del calendario del Women’s World Tour“.

Marta Bastianelli nelle Fiamme Azzurre….

Pochi gruppi sportivi danno spazio al ciclismo; le Fiamme Azzurre offrono sostegno agli sportivi che ne fanno parte“.

In cosa consiste l’inseguimento a squadre?

L’inseguimento prevede formazioni da quattro ciclisti che partono da fermi, distaccati di un metro ciascuno, e che disputano la gara su una distanza di quattro chilometri“.

Marta Bastianelli e l’alimentazione….

Non si tratta di una vera e propria dieta sportiva, il pasto di un atleta deve essere sano ed equilibrato, soprattutto negli zuccheri“.

Angela Balboni

Commenti

commenti