CISON DI VALMARINO

Cison di Valmarino

è un comune di 2644 abitanti, nella provincia di Treviso, in Veneto, situato alla fine della Valmareno, la valle compresa tra le Prealpi Bellunesi e le colline dell’alto Trevigiano, seguendo il corso del fiume Soligo. Nella facciata ad ovest della chiesa di Santa Maria Assunta e Giovanni Battista

ci sono tre statue: la Fede, la Carità e la Speranza, nella facciata ad est: la Prudenza, la Giustizia, la Fortezza e la Temperanza. Sopra il paese si erge CastelBrando.

Nella valle di San Daniele si trova il Bosco delle Penne Mozze,

area naturale e protetta, dove al suo interno sono state deposte croci a rappresentare alpini trevigiani morti durante le guerre. Nel giardino di Villa Brandolini sorge un grande Platanus Orientalis,

albero monumentale, alto 28 metri, nell’area del castello un Cedrus Libani

alto 22 metri. Fin dentro al borgo, costeggiando il torrente Rujo, scorrono le Vie dell’Acqua

che si snodano nel bosco, per raggiungere vecchi mulini e altre opere idrauliche. Nel museo della radio d’epoca

sono esposti 72 apparecchi che raccontano lo sviluppo tecnico ed estetico della radio dagli anni Venti, fino al Novecento. Dal 1980, il ferragosto, a Cison, è una delle più importanti rassegne della produzione artigianale, in Italia, con più di duecento bancarelle.

Specialità della località

lo spiedo.

Paola Vezzani

Commenti

commenti