CIUFFOLOTTO

Il CIUFFOLOTTO

(Pyrrhula Pyrrhula) è un uccello passeriforme della Famiglia dei Fringillidi, presente nell’arco alpino italiano e negli Appennini. Lungo 14/19 cm, pesa 21/38 grammi, è tozzo, arrotondato, con la testa squadrata che sembra incassata nel tronco, ha un becco corto e massiccio, grandi occhi e ali e coda allungate. La colorazione del maschio

è rosso-rosato (gola, petto, ventre) mentre la femmina

grigio-rossastro. Ali, coda, calotta e becco sono neri in entrambi, il sottocoda è bianco e gli occhi bruno scuro. E’ raro vedere stormi di ciuffolotti, generalmente si possono osservare in coppia. Grazie al forte becco, questi uccelli sono in grado di frantumare involucri di numerose varietà di semi di piante erbacee, fruticose, arbustive e vascolari, integrando la propria dieta con bacche, boccioli e limitatamente insetti o larve. Cantando insistentemente per conquistare la femmina e seguendola tenendo nel becco un rametto o un filo d’erba, le coppie di ciuffolotti diventano territoriali e costruiranno il nido, per portare avanti fino a tre covate, su abeti rossi, a qualche metro d’altezza. La covata è di 4/5 uova azzurre maculate di rosso-viola:

la femmina sta al nido, il maschio si occupa di trovare cibo per entrambi e per i piccoli che verranno al mondo dopo circa tredici giorni, ciechi e nudi per prendere il volo al diciassettesimo giorno, circa, dalla schiusa.

Anna Magnano

 

 

Commenti

commenti