DELFINO dal naso a bottiglia

Il TURSIOPE (TURSIOPS TRUNCATUS) o delfino dal naso a bottiglia

è un Cetaceo Dentato della famiglia dei Delfinidi. E’ diffuso in tutti i mari del mondo ad eccezione delle zone artiche e antartiche e si divide in due popolazioni, una costiera e l’altra di mare aperto. Lungo da 2,5 a 3,8 metri, pesa fino a 650 chili, è di colore grigio, sfumato sul dorso e bianco nel ventre. Sul capo si trova un melone pronunciato e lo sfiatatoio per espellere l’aria respirata; mascella e mandibola allungate, formano un rostro tozzo, un centinaio di denti servono solo per afferrare la preda. La pinna dorsale è alta circa 23cm, le pettorali, da 30 a 50 cm e la caudale è larga 60 cm. I branchi di maschi sono chiamati ‘alleanze’, mentre femmine e piccoli vivono in ‘pod’. Il tursiope è in grado di compiere delle acrobazie, fuori dall’acqua, il cui significato non è ancora chiaro: leaping (saltare fuori, completamente) bow (saltare fuori, verticalmente) lobtailing (sbattere la pinna sulla superficie) tailspinning (avanzare all’indietro, utilizzando la coda). Privi di padiglioni auricolari, ogni tursiope ha un suo fischio caratteristico, ad alta frequenza, per l’ecolocalizzazione o simili all’abbaiare di un cane, per la comunicazione. Spesso i tursiopi cooperano tra loro per procurarsi il cibo che va dalle acciughe agli sgombri, dai calamari ai polpi, non disdegnando i crostacei. Le femmine raggiungono la maturità sessuale tra i sei e i dodici anni, mentre i maschi, tra i dieci e i tredici; la gestazione dura dodici mesi e le nascite, di un solo piccolo, avvengono d’estate. Dal 1998, allontanandosi dal suo branco e conducendo una vita vicino all’uomo, Filippo

un tursiope maschio, si è stabilito nel porto di Manfredonia, in Puglia.

Anna Magnano

Commenti

commenti