DUNE

Il romanzo fantascientifico Dune

primo capitolo del ciclo omonimo, scritto da Frank Herbert

già all’epoca era considerato tra i ‘libri impossibili’ da trasporre sul grande schermo, per i numerosi effetti speciali necessari, la complessità della trama e lo stile narrativo basato in prevalenza su monologhi interiori. Nei vent’anni successivi all’uscita della pubblicazione fallirono vari tentativi registici; fu il produttore De Laurentiis ad affidare ad un giovane David Lynch

il progetto ambizioso di ‘DUNE’

che venne realizzato in sei mesi di riprese e sei mesi di post-produzione. Nell’anno 10.191 l’umanità abita quattro pianeti: Caladan

Giedi Primo

Kaitain

e Arrakis;

l’universo è retto dal sistema feudale del Landsraad, nobili dell’Imperium e le casate Atreides

e Harkonnen

conducono una sfida a sfondo ecologico, per il controllo del pianeta Arrakis, luogo di produzione, raccolta e raffinazione del Melange o Spezia, preziosissima sostanza che allunga la vita e dischiude tutte le potenzialità mentali. Il pianeta Caladan è guidato dal Duca Leto detto ‘il Giusto’

e dall’unico erede, Paul

Giedi Primo, dal crudele Barone Vladimir

e Kaitain, dall’imperatore Padishah Shaddam IV.

Il misterioso popolo dei Fremen

vive in rifugi detti sietch

indossa tute distillanti

chiama il proprio pianeta, Dune, in attesa della venuta del Messia Mahdi che li conduca in una guerra santa e cavalca giganteschi vermi della sabbia  

invulnerabili a qualsiasi arma umana. Al monopolio dei pianeti, la Gilda Spaziale

che con le sue grandi astronavi

assicura commercio e comunicazioni. I mentat

sono computer umani, le streghe del Bene Gesserit

una sorellanza esoterica e i guerrieri Sardaukar

(addestrati sul pianeta-prigione Salusa Secundus) guardie personali dell’imperatore Shaddam.

Edith Gasparini

Commenti

commenti