LADY BIRD

Presentato al Telluride e al Toronto Film Festival e candidato a cinque Premi Oscar 2018: Miglior film, Miglior attrice protagonista (Saoirse Ronan) Miglior attrice non protagonista (Laurie Metcalf) Miglior regia e Migliore sceneggiatura originale, ‘LADY BIRD’ scritto e diretto da GRETA GERWING

vede protagonista CHRISTINE MCPHERSON

liceale all’ultimo anno, di Sacramento, che, scegliendosi un soprannome afferma anche la libera scelta di voler vivere una gioventù nell’East Coast, dopo aver frequentato una scuola cattolica e coltivato amicizie poco soddisfacenti. La famiglia di Lady Bird è composta dalla madre MARION

(interpretata da LAURIE METCALF) nota al pubblico televisivo nei panni della madre fanatica religiosa di Sheldon Cooper in ‘The Big Bang Theory’, con cui la ragazza ha un difficile rapporto, il padre LARRY

(interpretato da TRACY LETTS) con problemi legati al lavoro ed alla psiche e il fratello adottivo MIGUEL

(interpretato da JORDAN RODRIGUES). La miglior amica di Lady Bird è Julianne ‘Julie’ Steffans con cui si iscrive al corso di recitazione; iniziando a lavorare in una caffetteria farà la conoscenza della popolare Jenna Walton ed avrà relazioni sentimentali con il compagno di scuola DANNY O’NEILL

(interpretato da LUCAS HEDGES) ed il musicista KYLE SCHEIBLE

(interpretato da TIMOTHEE CHALAMET) l’Elio di ‘Chiamami con il tuo nome’. Dopo il Prom, ballo di fine anno, l’esame per la patente di guida, ed il nuovo look alla sua cameretta, Lady Bird è in attesa della risposta di ammissione in un college di New York, nonostante la madre non sia d’accordo, per via della situazione finanziaria precaria della famiglia. Con l’approvazione di papà Larry, che divide con lei un cupcake, scherzando su come la mancanza di danaro impossibiliti un divorzio regolare con Marion, facendosi di nuovo chiamare Christine, la diciottenne si prepara all’esperienza newyorkese con valigia, un gratta e vinci, un pacchetto di sigarette e l’ultimo numero di Playgirl, fra le lacrime nascoste di una madre che a suo modo l’ha sempre amata e protetta.

Roberta Masi

 

Commenti

commenti