LE INVISIBILI

Ispirato al libro ‘Sur la route des invisibles’

di Claire Lajeunie

scritto a complemento del documentario ‘Femmes Invisible’,

Louis-Julien Petit

firma la regia di ‘LE INVISIBILI’

dopo aver visitato, per più di un anno, differenti centri d’accoglienza francesi, interagendo con le operatrici sociali e le donne accolte, e ne traccia i profili psicologici, dai contorni sottili ma efficaci. Audrey e Manu

dirigono l’Envol, struttura di sostegno per donne senza fissa dimora:

le ‘INVISIBILI’ sono Chantal, Lady Di, Brigitte Macron, che tutelano la propria privacy attraverso pseudonimi popolari ma che giorno per giorno affrontano la dura realtà di strada in cui le persone comuni le isolano. La burocrazia deciderà di sospendere i fondi, a seguito del tasso di reinserimento insufficiente, e le due assistenti, con l’aiuto della psicologa Helene e la volontaria Angelique, utilizzando strategie non sempre conformi alle leggi, continueranno nel loro obbiettivo, perché ogni singolo individuo, per quanto estraneo alla società, merita un posto dignitoso nel mondo.

Roberta Masi

Commenti

commenti