LEONE

Nel libro ‘LEONE’

si parla di un bambino di sei anni come ce ne sono tanti altri, figlio di genitori separati, che vive in periferia e che, privo di binari di vita ove procedere il suo cammino di piccolo uomo, alla morte della nonna materna a cui è affezionatissimo, trova rifugio nella preghiera, non necessariamente andando in chiesa, ma nei posti più comuni: si mette in ginocchio e recita l”Angelo di Dio’, l”Ave Maria’, il ‘Credo’, come prevede la chiesa cattolica, anche se, né mamma Katia, né papà Oscar, dopo il loro matrimonio, luoghi religiosi li hanno mai frequentati con lui. Questo comportamento inusuale per un bambino, susciterà ilarità nell’ambiente circostante, costringendo Leone ad un isolamento forzato, dove solo alla notte, nel suo lettino, potrà conversare liberamente con il suo vero amico Gesù Bambino. Mamma Katia non comprende cosa di ‘sbagliato’ avrà fatto nell’educare il figlio e per papà Oscar trattasi di un capriccio infantile del ‘nano’ (come lo chiama lui), Leone invece ricorda perfettamente gli insegnamenti di Nonna, che con delicatezza e tanto affetto lo hanno introdotto nel mondo della fede. All’improvviso, molte delle cose che Leone chiede, pregando, per i compagni in difficoltà, per i loro genitori sofferenti, si realizzano e si ritrova al centro dell’attenzione e non più deriso. Poi al Bussolo piove ininterrottamente per una ventina di giorni, tutto si blocca e, in un abbraccio possente di solidarietà, le persone si vedranno a casa si Leone, in preghiera, anche mamma e papà, mentre Nonna, dall’alto dei cieli osserva quel nipotino che con grande personalità e coraggio ha involontariamente donato il suo amore alla collettività.
PAOLA MASTROCOLA
    

è una scrittrice piemontese che per anni si è occupata di poesia, letteratura e teatro. Tra le pubblicazioni dell’autrice, lettura cult nelle scuole ‘UNA BARCA NEL BOSCO’:

storia di Gaspare Torrente, figlio di un pescatore del sud, dotato di straordinario talento per la lingua latina.

Roberta Masi

Commenti

commenti