MANESKIN Il ballo della vita

Trenta date sold out, nella line up di ‘Milano Rocks’ in apertura agli Imagine Dragons, in una performance davanti a sessantamila persone, sotto una pioggia scrosciante, doppio Disco di Platino per l’inedito ‘Chosen’

Platino per l’omonimo EP di debutto e doppia certificazione Platino per il primo singolo in italiano ‘Morirò da Re’:

questi i riconoscimenti, oltre a milioni di views e streaming sulle piattaforme musicali più conosciute, per i MANESKIN, gruppo pop rock emerso in seguito alla partecipazione all’undicesima edizione di X Factor

(Damiano David, voce, Victoria De Angelis al basso, Thomas Raggi alla chitarra ed Ethan Torchio alla batteria). Unico e grande evento cinematografico, ad ottobre, i ragazzi si sono raccontati, rivelati e presentati al pubblico attraverso un docu-film trasmesso in diretta nelle migliori sale italiane per una sola giornata (il 24):

una scelta affrontata in un momento in cui la loro carriera artistica è iniziata da poco, al centro delle aspettative che il mondo della musica riversa su di loro, un collage per comprenderne emozioni, sogni, creatività e talento sorprendente. Sempre forti della loro attitudine rock, anticipato dai singoli ‘Morirò da Re’ e ‘Torno a casa’, i Maneskin

scrivono e producono ‘IL BALLO DELLA VITA’:

il titolo richiama l’elemento della danza, tratto caratteristico della maggior parte dei brani, con ‘ballo’ metafora della vivacità della vita, della libertà di movimento e di pensiero. Le dodici tracce dei testi sia in italiano che in inglese sono frutto dell’estro musicale e non che ha accompagnato il percorso del gruppo in questo ultimo anno. Tra funk, pop e rock, il fil rouge che lega le canzoni del disco è la figura di Marlena loro musa ispiratrice.

Roberta Masi

Commenti

commenti