Mr. FOREST Michele Foresta

Con Nino Frassica ha scritto il libro comico ‘Come diventare maghi in 15 minuti’: una magia nella magia?



“Sembra ieri ma è passato qualche annetto!. A farci conoscere è stato Arbore nella mitica trasmissione ‘Indietro Tutta’ (lo scorso dicembre ne è stato celebrato il trentennale). Da Nino ho imparato molto, sono stato, con grande divertimento, suo scudiero in molte avventure lavorative”.

Cos’ha Copperfield che lei non ha?

“‘Cos’ha Copperfield che io non ho?’ era il titolo di un mio spettacolo, mi piaceva dire che il titolo dello show di Copperfield, a Las Vegas, fosse ‘Cos’ha Forest che io non ho?’!”.

‘Mai dire Maik’, ‘Mai dire Grande Fratello’, ‘Mai dire domenica’, ‘Mai dire lunedi”, ‘Mai dire Grande Fratello & Figli’, ‘Mai dire candid’, ‘Mai dire Grande Fratello Show’, ‘Mai dire martedi”: Mister Forest e la Gialappa’s Band!



“La Gialappa’s Band mi ha cambiato la vita: ne ero fan sfegatato con il sogno nel cassetto di lavorare con loro, mi è successo di farlo, per nove anni ininterrottamente, adesso, per ‘colpa’ loro…non ho più sogni nel cassetto!. All’inizio era lavoro, poi è diventata amicizia, adesso credo sia ‘amore’!!!”.

‘Zelig’: un”avventura’ lunga un ventennio (come ospite o co/conduttore)…ricordi  ed emozioni indimenticabili!

“Esattamente…Zelig è l’habitat naturale per un comico: nasce come locale ed io ci lavoravo ancora prima che si chiamasse ‘Zelig’, era un baretto con sala polivalente che si trasformava all’evenienza in cabaret, si chiamava ‘L’ultimo metrò’ e io pensavo fosse perché situato all’ultima fermata della metro, a Sesto San Giovanni, era invece un omaggio a Francois Truffaut. Sono onorato ed orgoglioso di calcare quel palco, ogni volta che se ne presenta l’occasione”.

‘Motel Forest’: un motel esclusivo, eccentrico ed imprevedibile dove tutto è permesso tranne che…dormire!

“‘Motel Forest’ è il mio spettacolo teatrale, in tour nelle due ultime stagioni e che riprenderò presto. A ispirarmi è stato un viaggio ‘coast to coast’ sulla ‘Route 66’, negli States, e le stanze dei numerosi motel scalcinati ma romantici dove ho soggiornato. Un viaggio comico nelle stanze della vita”.

‘Rai dire nius’: ancora Gialappa’s, Mia Ceran e Michele Foresta in un refresh del TG2, un telegiornale autentico?

“Nonostante l’audience, causa punti di vista diversi con la Rai, abbiamo preferito fermarci ad una sola edizione, con il ‘nostro’ ‘Rai dire nius’, programma che abbiamo molto amato. E’ stata una bella occasione per tornare a lavorare coi gialappi invogliandoci ad affrontare ancora nuove avventure televisive insieme”.

Mago Forest e il Festival di Sanremo 2018: un pianoforte, un carrello portavaligie, alcuni trapani, Baglioni, la Hunziker e Favino come assistenti. Convinto di ritirare un premio alla carriera e presentando un’immancabile numero di magia, il palco dell’Ariston la riceve dopo un decennio!

“Ero molto più emozionato dieci anni fa: durante la sera dei duetti ho fatto una performance come mimo di fianco a Francesco Tricarico che cantava la struggente ‘Voglio una vita tranquilla’ …avevo una paura tremenda di rovinargliela!. Per l’edizione 2018 di Sanremo mi hanno ingaggiato quattro giorni prima, quindi non ho avuto il tempo di preoccuparmi o emozionarmi e con Michelle di fianco mi sembrava di stare sul palco di Zelig, mi sentivo a casa!”.

Angela Balboni

 

 

Commenti

commenti