PORDENONE INTERNATIONAL FILM FESTIVAL

Nato nel 2018 da un’idea di Alessandro Varisco e delle Associazioni Cinemando e Panorama, dal 27 al 30 marzo 2019 si tiene il PORDENONE INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 

presso l’ex Convento di San Francesco. Il progetto ha l’obbiettivo di farsi strumento di socializzazione ed aggregazione, rivolto principalmente agli studenti delle scuole superiori; avvicinarsi al linguaggio cinematografico sviluppa una coscienza critica e una consapevolezza verso il mondo del lavoro. Con tema la Dipendenza

nelle sue diverse accezioni (droghe, alcool, tabagismo, ludopatie) sono stati selezionati, fra i 150 pervenuti da 22 paesi, 40 cortometraggi. Le sezioni sono: GENERAZIONE FUTURO (fiction e corti di animazione), TEEN CLUB +16 (lungometraggi e corti con attori di pregio tra i 16 e i 18 anni), TEENAGER PLUS 18+ (lungometraggi e corti di finzione e/o animazione con attori di pregio con più di 18 anni), CINEMA & SCHOOL (sezione internazionale riservata a prodotti creati da scuole ed Università), SOCIAL CLUB (prodotti realizzati esclusivamente con il cellulare e nuove tecniche social), PHOTO CONTEST (contest che fotografa scorci cittadini degradati). Tra i film in programma: ‘DEPARTURES’ di Nicolas Morganti Patrignani, ‘OZ’ di Nicola Mattarollo, ‘CERVELLI IN FUGA’ di Stefano Pedretti, ‘FEBBRE DEL GIOCO’ di Patrice Makubu; in anteprima assoluta, nella serata di apertura, il corto ‘SOCIAL’

del ventenne pordenonese Christian Magri, sul difficile rapporto fra i giovani e i social media, mentre fuori concorso ‘BATTITI’ parla della dipendenza dalla droga ed è realizzato dai ragazzi dell’istituto alberghiero di Aviano. Nei pomeriggi sono previste le due master class con l’attrice Cinzia Clemente e l’attore e regista Paolo Sassanelli

noto ai telespettatori per aver partecipato a fiction Rai, tra la quale ‘Un medico in famiglia’. Momenti importanti lo ‘EUROPEAN YOUNG FILM MARKET’ in cui giovani autori potranno conoscere diverse case di produzione cinematografiche e l’incontro sul problema del Doping con l’ex campione olimpico e oggi direttore tecnico della Nazionale di canoa DANIELE MOLMENTI

i giocatori del Pordenone Calcio Giacomo Bindi e Flavio LoNoce e lo sciatore Marco Giavedon.

Sergio Galuppi

Commenti

commenti