RAVENNA NIGHTMARE FILM FESTIVAL

Creato da FRANCO CALANDRINI

che ne cura la direzione artistica e da MARIA MARTINELLI

regista e produttrice cinematografica, il ‘RAVENNA NIGHTMARE FILM FEST’

celebra la sua sedicesima edizione ponendosi l’obbiettivo d’indagare il Cinema dell’orrore in tutte le sue derive, spostandosi anche verso generi come il noir, il crime, il thriller, il fantasy e il mistery, definendosi, all’interno del Festival stesso, come ‘il lato oscuro del Cinema’. Dopo  ‘ASSAGGI DI FESTIVAL’

evento di apertura, in programma venerdì 26 ottobre, tra prelibatezze gourmet ispirate ai film in concorso e concerti dal vivo, le proposte culturali e di intrattenimento proseguiranno fino al 4 novembre presso il Palazzo del Cinema e dei Congressi di Largo Firenze, a Ravenna con speciali repliche al cinema City. Otto i lungometraggi in concorso, da ‘CHIMERA’

vincitore del Boston e del New York Film Festival, a ‘THIS MAGNIFICENT CAKE’

una delle animazioni più sorprendenti, direttamente dalla Quinzaine des Realisateurs di Cannes; dieci i cortometraggi, dai selfie imbarazzanti, arrangiati di ‘SELFIES’

alle creature miserabili di ‘THE BOX’.

Strettamente connessa alle novità presentate nei maggiori mercati cinematografici, ‘CONTEMPORANEA – SGUARDI SUL CINEMA DEL PRESENTE’

racchiude in esclusiva, titoli ancora poco conosciuti alla distribuzione italiana. Nella sezione ‘CINEMA E TERRITORIO’

si sottolinea l’importanza delle produzioni cinematografiche dell’Emilia Romagna, in ‘OTTOBRE GIAPPONESE’

gli scambi culturali tra Italia e Giappone e in ‘NIGHTMARE D’ESSAI’

il cinema d’autore. Il 28 ottobre viene proiettato ‘THE LAST WARRIOR’

campione d’incassi in Russia e il 29 ‘IL RUMORE DELLA VITTORIA’

per promuovere contenuti, strumenti e tecnologie che rendono possibile la fruizione dell’arte cinematografica anche a persone sorde, ipovedenti e non vedenti. In collaborazione con il Museo d’Arte della città di Ravenna, il 4 novembre il Festival celebra la fine della Prima Guerra Mondiale

proiettando filmati in nitrato 35mm

risalenti al periodo 1914-1918. Al Festival, inoltre, Masterclass

interviste

ed incontri

letterari.

Edith Gasparini

 

Commenti

commenti