ROCCO BARBARO

Rocco Barbaro: scuola di dizione calabrese VS laboratorio teatrale milanese…. 

Sono nato a Rivoli, in provincia di Torino, rimanendovi fino agli otto anni. Dai nonni paterni, a Reggio Calabria, ho vissuto fino ai trenta. Mi sono affiancato al teatro frequentando la scuola di dizione e recitazione diretta da Rodolfo Chirico e Gianni Diotajuti e, a Milano i laboratori di Raul Manso; ora vivo in Friuli, anche se il lavoro mi porta a spostarmi“.

Rocco Barbaro: autore ed interprete dai risvolti satirici, legati alla parola, al gesto e alla mimica, per raccontare al pubblico l’esperienza di emigrante al nord….

Ad oggi, in quest’Italia multietnica, siamo un po’ tutti migranti. Le trasferte da sud a nord, negli anni ’60/’70, verso una Milano dalle opportunità lavorative e sociali, assumevano uno spessore diverso“.

….la TV, quella vera….

Era il ’97: il ‘Pippo Chennedy Show’ è stato un programma ideato e condotto da Serena Dandini e Corrado Guzzanti, tra parodie dei politici, il primo rudimentale internet e collegamenti fittizi con l’esterna. Era un prodotto ben costruito, per una tv ‘da ridere’, ma seria, nella sua struttura, a differenza della ‘tv spazzatura’ di questi ultimi anni. Ho condotto anche una Striscia, qualche anno dopo, che rientrava nella realtà del Festival del Cinema di Venezia, dove si commentavano i film in modo scherzoso“.

Rocco Barbaro, il cinema, la televisione, il teatro….

Il CINEMA lo frequento spesso, mi danno fastidio quelli che mangiano i pop corn….mi svegliano!.
….feci TV….
Per entrare in TEATRO bisogna pagare il biglietto: io, ‘faccio quello che voglio’, pago poi entro. Ho fatto delle presenze importanti al Parioli, al Ciak; per il pubblico, il volto di un artista è spesso legato al fatto di apparire o meno in tv
“.

Rocco Barbaro….in libreria: ‘Me ne fotto’/’L’importanza di essere Barbaro’.

‘Me ne fotto’ è un pensiero libero, che va al di là del suo significato alla lettera. Nelle pubblicazioni emerge il Barbaro sul palco e il Barbaro della vita di tutti i giorni: racconti senza filtri, profondi, sinceri e anche un po’ divertenti“.

Rocco Barbaro sul set del film ‘L’indesiderato’ con Aldo Baglio….

E’ un grande onore far parte del cast del film. Aldo è un attore ed un comico incredibile, con Giovanni e Giacomo portano in teatro ed al cinema quello che per un artista è l’essere completo a 360°“.

La ‘scuola’ di Gaber per Rocco Barbaro….

Nello spettacolo ‘Ho incontrato Gaber’ mi accompagnano i musicisti: Paolo Michelutti alla chitarra, Piero Cescut al basso, Roberto Sellan alla fisarmonica, Claudio Madeddu alla batteria; io canto, affiancato dalla voce di Daisy De Benedetti e recito da materiale di scena di Gaber, dandone un colore nitido, dove l’arte del Maestro ha influenzato le carriere artistiche di tanti personaggi….Giorgio Gaber dovrebbe essere materia di studio nelle scuole!. A differenza di chi crede di conoscere le sue canzoni, per me, Gaber è ‘terapeutico’ e per niente triste“.

Il Premio ‘Troisi’….

L’ho ricevuto a Salina (Sicilia)….un gesto di apprezzamento verso la comicità ‘genuina’ che propongo. Di Troisi mi piace il ‘suo’ cinema, altrettanto genuino, recepito da tutti. Massimo è stato una persona estremamente sensibile e con una gran capacità di ascolto, caratteristica che hanno solo i migliori attori“.

Angela Balboni

Commenti

commenti