ROMEO & GIULIETTA – NATI SOTTO CONTARIA STELLA

‘ROMEO e GIULIETTA’, eccellentissima e lamentosa tragedia, composta, a fine cinquecento, da Shakespeare, che racconta della coppia di giovani amanti, Montecchi e Capuleti,  

nati sotto ‘cattiva stella’, il cui suicidio

pone fine al conflitto tra le due famiglie, archetipo dell’amore perfetto, ma avversato dalla società, è tra le più famose nonché rappresentate a teatro e sul grande schermo. Il rampollo sedicenne dei Montecchi, Romeo, è innamorato di Rosalina, una Capuleti; per distrarlo dalla malinconia, ad una festa mascherata, con i cugini Mercuzio e Benvolio, il ragazzo vedrà invece Giulietta, che gli ruberà immediatamente il cuore.

Leo Muscato

alcuni anni fa ha coinvolto una Compagnia

di comici trasformisti, specializzati in comparsate e teatro di ricerca, e, sulla scena attori che ‘giovani’ non lo erano più da tanto, hanno commosso, rivali e complici allo stesso tempo, tra invidie e ripicche, battute in spirito elisabettiano e meta-teatro.

Ad oggi, lo stesso Muscato, decide di avvicinare ad altre ‘stelle contrarie’, il duo Ale e Franz

famosi per la loro ‘panchina’;

non sono più, solamente, i personaggi dell’opera, a parlare, ma gli stessi attori, in equilibrio tra drammaticità e commedia:

uno spumeggiante Eugenio Allegri diventa Mercuzio, Marco Gobetti veste Frate Lorenzo, Marco Zannoni, la nutrice, Paolo Graziosi, il ‘regista’ e Roberto Zanisi, alla chitarra, esegue stacchi musicali originali di Dario Buccino; son sei comici intenzionati a rappresentare la storia d’amore più popolare al mondo, sono tutti uomini e dovranno sapientemente fungersi anche in abiti femminili.  

Ale (Alessandro Besentini) alias Giulietta, regala vibrazioni ed emotività, Franz (Francesco Villa) alias Romeo, attinge liricità cosparsa di ironia data da anni di palcoscenico.

Angela Balboni

Commenti

commenti