SPECCHIA

Chiamato, fino al 1873 ‘Specchia De’ Preti’ e, dal latino ‘specula’
(cumuli di pietra a forma conica, utilizzati come punto di difesa o demarcazione territoriale), SPECCHIA

è un comune della provincia di Lecce, in Puglia, da 4.780 abitanti, in cui si respira ancora quell’aria arcaica che rimanda al passato. Palazzo Risolo,

situato nel cuore del centro storico, è una costruzione cinquecentesca, articolata intorno ad un cortile e dominata da una torre angolare merlata. Di proprietà del Dr Longo, il Palazzo Baronale Ripa

risale al XVII secolo ed è stato costruito a ridosso di Porta Leuca. La chiesa Madre (della Presentazione della Beata Vergine Maria)

ha una pianta a croce latina; alla chiesa dell’Assunta

si accede mediante un sistema di rampe simmetriche. Dalle origini bizantine, la chiesa della Madonna

ospita tre altari, impreziositi da un dipinto della Madonna col Bambino e un Calvario. Prodotto tipico salentino, dalle olive, tra il 1500 e il 1800 veniva ricavato l’olio, grazie a frantoi ipogei

costruiti con materiale roccioso. Tradizionalmente considerata una festa religiosa che testimoniava la Purificazione della Vergine Maria (40 giorni dopo la nascita di Gesù), oggi, la Fiera della Candelora

indica la fine dell’inverno (febbraio). A luglio, il Festival del cinema del Reale

che coinvolge piazze, palazzi, conventi, chiese e cortili, tocca tre fra i borghi più belli della Puglia, uno dei quali, Specchia. Aspettando al ‘focoreddha’

la nascita di Gesù, la Vigilia di Natale, a Specchia, si organizza la Sagra della Pittula

tipiche frittelle salentine.

Paola Vezzani

Commenti

commenti