STOMP

Generata dagli epigoni Cooking (Corea), Sheketak (Israele) e Tap Dogs (Australia), nata, nel 1991 a Brighton dalla creatività di

Luke Cresswell e Steve McNicholas, con cinque formazioni internazionali fisse di performer, senza trama, né testo

l’ensemble inglese STOMP nel venticinquesimo di attività e successi, dopo aver calcato i più importanti teatri del mondo (Broadway, Parigi, Los Angeles, Tokyo) per arrivare a quelli italiani, traduce in una sinfonia intensa e ritmica i rumori e le sonorità della civiltà urbana contemporanea. I ballerini-acrobati-percussionisti-attori indossando jeans sdruciti, canottiera ed anfibi

spazzoloni alla mano, entrano in scena con strofinii e battiti nella formula del riciclo di oggettistica comune urbana, dai sacchetti di plastica ai barili, dalle scope agli accendini, per trasformarli in musiche e coreografie dai ritmi travolgenti e divertenti. Tra il trash delle arti figurative, futurismo, cartoons, circo, film muto, battiti di mani e piedi, creano vibrazioni:

carrelli della spesa

lavelli da cucina

camere d’aria

coperchi e bidoni. STOMP è hip hop, break dance, tip tap, heavy metal, kendo giapponese e tribalismo: una miscela di generi artistici dove il lavoro corale e le acrobazie coreografiche sono un tutt’uno fra

palco ed un pubblico ammaliato dalla capacità nel dare ad ogni oggetto statico della quotidianità una sua musica che lo contraddistingue.

Angela Balboni

 

 

Commenti

commenti