THE BLAZE

Jonathan Alric cresce in un piccolo paese della Francia, con il cugino Guillaume, circondati dalla musica classica che i loro genitori amavano ascoltare. Mentre Jonathan frequenta la scuola di cinema a Bruxelles, Guillaume, sotto lo pseudonimo di Mayd Hubb comincia a creare le proprie sonorità e produrle; in seguito i due ragazzi uniranno le loro eccellenze musicali e canore e con il nome di THE BLAZE

e, attingendo dalle calde sensazioni che emana il dub si accompagneranno con vibranti percussioni distorcendo le proprie voci fino quasi al grave. Dopo il primo video di debutto ‘VIRILE’

che parla di un forte rapporto d’amicizia maschile senza sfumature
erotiche, ‘TERRITORY’

premiato con il Grand Prix al Festival di Cannes, racconta il ritorno a casa di un giovane pugile algerino per riabbracciare la famiglia e danzare felice con gli amici sulla terrazza, mentre ‘QUEENS’

si immerge nella realtà degli zingari, con il funerale di una giovane e il viaggio nei ricordi condivisi con lei, da un’altra ragazza. Nella loro espressione artistica, i The Blaze scelgono l’elemento visivo come cardine, con un approccio vicino al cinema ed osservano, in un’angolazione poetica ed emozionale, la giovinezza nella sua genuinità, imperfezione e debolezza. ‘DANCEHALL’

primo album del duo, intitolato a ridare al ballo uno scopo sociale ed umano, è stato presentato, per la prima volta in Italia e in unica data, a Marzo 2019, a Milano.

In apertura al concerto, il produttore e dj Bawrut

che, con gusto, ha coniugato brani classici e novità, spaziando dalla disco all’house, passando dall’avant-pop.

Angela Balboni

Commenti

commenti