TULIPANI-AMORE,ONORE E UNA BICICLETTA

Dopo aver perso i genitori, negli anni ’50, Gauke (Gijs Naber)

parte in bicicletta, dall’Olanda, ed arriva in Puglia. Soddisfatto del clima favorevole acquista un trullo

da Piero (Giorgio Pasotti)

ed inizia a coltivare tulipani. Lo raggiunge Ria (Anneke Sluiters)

nel desiderio di costruire assieme, una famiglia,

nonostante il problema della malavita

che affligge gran parte dell’Italia del Sud. Trent’anni dopo, Anna (Ksenia Solo),

figlia di Gauke e Ria, dal Canada ritorna in Puglia, dove è nata, per le ceneri di Chiara (Donatella Finocchiaro),

moglie di Piero, che per lei è stata una sorta di madre adottiva. Immacolata (Lidia Vitale)

e il figlio Vito (Michele Venitucci),

per onorare il ricordo dei due olandesi, da testimone oculare che fu il ragazzo, da bambino,

ricostruiscono gli avvenimenti per scagionare Anna da un presunto illecito sul quale l’ispettore Catarella (Giancarlo Giannini)

indaga: il ritrovamento, in una grotta, di un cadavere di un eremita, un tempo a capo di una potente mafia locale. Mike Van Diem

firma ‘TULIPANI-AMORE, ONORE E UNA BICICLETTA’:

storia coinvolgente tra fantasia e realtà.

Roberta Masi

Commenti

commenti