YLENIA LUCISANO Punta da un chiodo in un campo di papaveri

Ylenia Lucisano

giovane cantautrice calabrese, esordisce, discograficamente nel 2013, con il suo primo singolo ‘QUANDO NON C’ERI’

a cui segue ‘MOVT MOVT’ in dialetto, apripista di ‘PICCOLO UNIVERSO’ con cui l’artista ha vinto il Premio Lunezia 2014. Per lei hanno scritto autori quali Pacifico, Zibba, Anastasi e, a livello di collaborazioni live, Ylenia è stata opening a concerti di De Gregori e Roby Facchinetti. Nel 2016, con il brano ‘RIVERBERO’ partecipa ad Area Sanremo

e sul palco del Concerto del Primo Maggio, a Roma, vi è salita nel 2015 e quest’anno

lanciando, all’inizio della sua performance, un messaggio contro la violenza sulle donne, apprezzatissimo dal folto pubblico presente all’evento. Prodotto, arrangiato e mixato da Taketo Gohara, ‘PUNTA DA UN CHIODO IN UN CAMPO DI PAPAVERI’

è il nuovo album di Ylenia, onirico e pensato con il cuore, composto da undici brani:

‘A CASA DI NESSUNO’ (dove la notte apre le porte ad una dimensione misteriosa), ‘CANZONI E PANE’ (ricordi di volti sfocati, conosciuti nel tempo), ‘IL DESTINO DELLE COSE INUTILI’ (per non perdersi in cose superficiali), ‘MERAVIGLIA’ (un gesto ormai scontato), ‘MENTRE FUORI STA PIOVENDO’ (avere qualcuno al proprio fianco, per sentirsi protetti), ‘LA SINTESI’ (quando non si tratta di tristezza, ma di malinconia di vivere con una sensibilità diversa), ‘LE LENZUOLA BIANCHE’ (l’amore da ricambiare ai genitori, quando sarà dovuto), ‘NON MI PENTO’ (non piangersi addosso ma far si che gli errori sappiano far crescere una persona), ‘FINTA NOSTALGIA’ (una sensazione che rende invincibili a noi stessi), ‘TI SEMBRA NORMALE?’ (cosa è giusto e cosa sbagliato?), ‘DORMIRE MAI’ (per ricordare cose che non si cancellano dalla memoria).

FOTO: Daniele Barraco, Corrado Grilli.

Roberta Masi

Commenti

commenti